DUE PER MILLE a rifondazione L19 UNA SCELTA DI CLASSE.

L19

Due per mille

COME DESTINARE IL 2 X MILLE DELL’IRPEF AL PRC –SE
Ogni contribuente può destinare, senza oneri aggiuntivi, il 2 per mille della propria Irpef a favore dei Partiti iscritti ad apposito Albo. In caso non venga data nessuna indicazione il 2 per mille resterà all’erario. Non solo chi presenterà la dichiarazione dei redditi (modello 730 o il modello Unico delle persone fisiche), ma anche chi, seppur titolare di reddito, è esonerato dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi può disporre che il 2 per mille venga destinato al Prc-Se.

COME PROCEDERE
La scelta del 2 per mille può essere effettuata esclusivamente mediante l’utilizzo di presentazione di apposita scheda. La scheda, che è unica sia per l’8 che per il 5 e il 2 per mille, può anche essere scaricata dal sito dell’Agenzia delle Entrate oppure recuperata presso i CAF. Nel riquadro della scheda per la destinazione del 2 per mille al Partito della Rifondazione Comunista–Sinistra Europea va inserito il Codice “L 19” e apposta la firma. Chi presenta la dichiarazione congiunta deve inserire due schede distinte in due buste chiuse. La scheda può essere consegnata in busta chiusa presso l’ufficio postale anche da parte di chi non è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

COME E DOVE CONSEGNARE LA SCHEDA RELATIVA ALLA DESTINAZIONE DEL 2 PER MILLE
I contribuenti esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione possono effettuare le scelte per la destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef, presentando la scheda, in busta chiusa, entro il 30 novembre 2020:

  1. allo sportello di un ufficio postale che provvederà a trasmettere la scelta all’Amministrazione finanziaria. Il servizio di ricezione della scheda da parte degli uffici postali è gratuito. L’ufficio postale rilascia un’apposita ricevuta;
  2. a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, Caf, ecc.). Quest’ultimo deve rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta attestante l’impegno a trasmettere la scelta. Gli intermediari hanno facoltà di accettare la scheda e possono chiedere un corrispettivo per l’effettuazione del servizio prestato;
  3. direttamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia.

La busta da utilizzare per la presentazione della scheda deve recare l’indicazione “Scheda per le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef”, il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente. La scheda deve essere integralmente presentata anche se se è stata espressa soltanto una delle scelte consentite (8, 5 o 2 per mille dell’Irpef).

CON QUALSIASI MODALITA’ DI CONSEGNA DELLA SCHEDA, LA PRIVACY INERENTE LA SCELTA, A CUI SI E’ DECISO DI DESTINARE IL 2 PER MILLE, E’ GARANTITA.

http://www.rifondazione.it/primapagina/wp-content/uploads/2015/03/volantino2x10002.pdf