¡El paro no se para! Cosa succede in Colombia?

Dal 28 di aprile il paese è in “paro nacional”, sciopero generale: un blocco totale del paese che sta coinvolgendo i settori più diversi: politici, sindacali, popoli originari, camionisti, contadini, studenti, donne. La scintilla è stata la proposta di riforma fiscale presentata dal governo di Ivan Duque. Ma è stata la goccia che ha fatto traboccare un vaso ormai colmo. La pessima gestione della pandemia, la continua mancata applicazione degli accordi di pace – a cui consegue un aumento degli omicidi selettivi e una escalation della violenza – la povertà sempre più diffusa: questo il terreno fertile su cui l’ipotesi di dover pagare più tasse ha scatenato una serie di proteste pacifiche in tutto il paese.
La violenza viene dal governo.
Il “paro nacional” continua: ad ogni violenza si risponde con maggior mobilitazioni e più persone in strada.
Anche all’estero le manifestazioni di solidarietà di moltiplicano. Sono molti i colombiani e le colombiane che hanno lasciato il paese, ma che non lo hanno dimenticato.
Vogliamo ascoltare dalla voce di compagne colombiane cosa sta succedendo, vogliamo capire e vogliamo aiutare a fare informazione.
Vogliamo anche raccontare tutta l’ipocrisia di una Unione Europea che sigla accordi di libero commercio con la Colombia con un intero capitolo dedicato al rispetto dei diritti umani.
Lo faremo
GIOVEDì 13 MAGGIO H. 21 
Con:
Celmira O. Hernandez, Colectivo Colombia Paz Justicia Social, di Milano
Marietta Toro, Marcha Patriótica da Cali
Una compagna della Campagna “Defender la libertad” da Barranquilla
Ci aiuterà nella traduzione María Victoria Santoyo, Colectivo Colombia Paz Justicia Social, di Milano
Modera Anna Camposampiero, PRC Milano
Organizza Gruppo donne PRC Milano
Diretta Facebook sulla pagina PRC Milano e sul canale Youtube