Golgi – Redaelli: Rifondazione Comunista con i lavoratori e contro i piani di esternalizzazioni.

sanità2Le lavoratrici e i lavoratori del Golgi-Redaelli hanno avviato una lotta contro i piani di esternalizzazione di funzioni e figure professionali, decidendo di non accettare l’aumento dei carichi di lavoro (più pazienti da seguire per ogni dipendente) e di mettere in discussione i livelli di precarietà raggiunti in azienda. La vertenza è per difendere non solo la qualità del lavoro, ma in pari misura la qualità del servizio reso al cittadino.

Rifondazione Comunista sostiene questo generoso sforzo di tutta una comunità che lavora e fornisce da decenni un prezioso presidio di professionalità e competenza per il territorio della provincia milanese, esprime piena adesione ai contenuti delle rivendicazioni sindacali portate avanti dal Coordinamento RSU e dai sindacati USB, SLAI Cobas e Cub, che hanno promosso questa mobilitazione.

Siamo convinti che una valida difesa della Sanità in Lombardia e in tutto il Paese passi attraverso la costruzione di una mobilitazione generale che ribadisca la centralità della contrattazione nazionale e collettiva, il rinnovo del contratto della Sanità pubblica e la fine della precarietà e del ricorso indiscriminato ai contratti anomali e alle esternalizzazioni.

Volantino dei circoli PRC di San Siro e Baggio
SALUTE PUBBLICA BENE COMUNE