L’INCOSTITUZIONALITA’ DELLA “DOTE PER LA LIBERTA’ DI SCELTA”

COMUNICATO STAMPA

La “dote per la libertà di scelta”, istituita nel dicembre 2007 dalla Giunta Regionale lombarda, è una forma di finanziamento indiretto, ma esclusivo, alla scuola privata che assorbe gran parte delle risorse regionali destinate alla scuola. Una forma di sostegno dagli aperti caratteri di INCOSTITUZIONALITA’ perché esclude formalmente tutte le famiglie che iscrivono i figli alla scuola pubblica statale, determinando così una disparità di trattamento tra cittadini del tutto inaccettabile.

Per queste ragioni l’Associazione “NonUnodiMeno” e l’Flc/Cgil presenteranno in una CONFERENZA STAMPA le ragioni del ricorso al TAR da parte di 2 genitori con figli iscritti ad una scuola pubblica assistiti dal noto costituzionalista Avv. Angiolini.

La CONFERENZA STAMPA si terrà giovedì 4 luglio 2013 alle ore 11 c/o la Camera del Lavoro di Milano (sala Teresa Noce 1° piano) con la presenza del Segr. Naz. dell’Flc/Cgil Domenico Pantaleo, del Segr. Reg. dell’Flc/Cgil Corrado Barachetti, del Prof. Giorgio Tassinari del Comitato Art.33 di Bologna e rappresentanti delle forze che hanno aderito alla Petizione per la cancellazione della “Dote per la libertà di scelta” dalla Fiom, all’Arci, a ReteScuole, al Cidi Nazionale, alla Consulta per la laicità delle Istituzioni, a Rifondazione Comunista.

Per l’Associazione “NonUnodiMeno”: Il Presidente Giansandro Barzaghi

Per l’Flc/Cgil di Milano: la Segretaria Caterina Spina