SOSPENDERE IL DECRETO SALVINI – SUBITO

capo-gabinetto-vanni🔴 Ecco gli otto punti che abbiamo consegnato oggi al Capo di Gabinetto chiedendo che vengano consegnati al Sindaco di Milano, per compensare gli effetti del decreto legge “sicurezza”, ormai legge 132/2018:

📌 consentire l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo aventi dimora abituale nel Comune;

📌 istituire progetti di accoglienza diffusa per titolari di permesso umanitario, casi speciali e protezione speciale in misura tale da coprire la totalità di essi;

📌 organizzare adeguati corsi di italiano e di formazione professionale per i richiedenti asilo sul territorio, fuori e dentro centri di accoglienza;

📌 dichiarare la contrarietà del Comune di Milano all’apertura del Centro di Permanenza per il Rimpatrio in via Corelli o altrove, chiedendone e disponendone la adibizione a fini di accoglienza e formazione dei richiedenti asilo;

📌 rinunciare alla dotazione di taser per la polizia municipale;

📌 rinunciare all’utilizzo del daspo urbano.

Inoltre chiediamo:

📌 il rafforzamento dei centri di assegnazione di posti idonei per il pernottamento dei senza tetto, in misura tale da consentire un’adeguata loro sistemazione soprattutto nel periodo invernale, con espressa prescrizione che l’ accesso al servizio prescinda dalla titolarità di un permesso di soggiorno o di una residenza o domicilio nel Comune;

📌 la soppressione del requisito, anche di fatto, della residenza nel Comune per l’accesso ai nidi d’infanzia e scuole tutte anche dell obbligo, rendendo a tal fine sufficiente il criterio della dimora abituale nel Comune stesso.

 Ci vediamo il 19 al Teatro Verdi Milano per ● No CPR, No DL Salvini ● Assemblea Generale. Disobbediamo alle leggi ingiuste, pratichiamo solidarietà!